Il senso della Green Economy...

Pubblico questo sorprendente e rinfrescante articolo di Mattia e Marzia, con preghiera di lettura a tutti i soci e non solo, perchè esso illumina un punto su cui credo nel GAS vi sia poca coscienza.
Bella la citazione dal libro di Steinbeck (di cui coinsiglio la lettura più che la visione del film uscito negli ultimi anni, non so con quale fedeltà) che è sempre attuale, e che anzi nel corso di un secolo si è allargato a tutto il mondo...
Fare consumo critico non consiste nel scegliere semplicemente le soluzioni meno dannose nel mercato dato, ma nell'adoprarsi per cercare sempre nuovi modi di vivere che ci consentano di stare realmente in equilibrio ecologico ed economico, creando quindi un mercato alternativo, con regole proprie.
A voi il giudizio sulla varia economia che si tinge di Green...cioè scusate, Verde!
Marcello

F.I.CO (FABBRICA ITALIANA CONTADINA) ovvero C’ERA UNA VOLTA LA CAMPAGNA…

"Gli uomini mangiavano ciò che essi non avevano coltivato,più nessuno vincolo li legava al proprio cibo. La terra si apriva sotto il ferro e sotto il ferro gradatamente inaridiva: nessuno c'era più ad amarla o a odiarla. Nessuno più la supplicava o malediceva."
 J. Steinbeck, Furore, 1939

C'era una volta la campagna.Nella campagna ci vivevano i contadini e le contadine.Era una vita dura, povera, a volte forse anche felice.Era dura soprattutto perché la terra non era quasi mai di chi la lavorava.Poi sono arrivate due guerre. Poi sono arrivate le sirene delle fabbriche.In molti sono stati ammaliati dal loro canto. E sono morti: di silicosi, di tristezza, di amianto o di appartamento. E in campagna sono rimaste solo le “trattrici”.E la campagna si è trasformata in una fabbrica. UnaFabbrica Omologata a Cielo Aperto.Bisogna fare così e basta. Perché l'ha detto il tecnico, l'associazione, il consorzio, il Mercato. Bisogna fertilizzare, diserbare, avvelenare, produrre, fertilizzare, diserbare, avvelenare, produrre.Per niente. Per poter continuare a lamentarsi ogni anno del prezzo delle mele troppo basso. Perché è così, l'ha detto il Mercato. L'ha detto la Grande Distribuzione.Avanti e indietro, avanti e indietro, le trattrici rivoltano la terra per un paesaggio fatto su misura per gli aeroplani.Si montano e si smontano pezzi dentro i solchi o lungo le file, pezzi destinati a diventare mangime industriale. I contadini, ridotti a “fantocci meccanici” dentro le cabine delle trattrici, non toccano più la terra. Solcano i campi come Grandi Magazzini. Muletti, nastri trasportatori, catene di montaggio. Controllo qualità, pezzatura, velocità, quantità, efficienza.Barbabietole da zucchero, mais, frumento, medica, patate, barbabietole da zucchero, mais, frumento, medica, patate, barbabietole…Monocolture a rotazione, quando va bene, per ettari ed ettari…Nel frattempo le città sottovuoto mangiano queste tonnellate di monocolture confezionate in meravigliosi packaging di design. Nel frattempo le città, trasformate in ologrammi di se stesse, abbandonano i propri centri al consumo e alla museificazione. Le periferie, non più campagna, non ancora città, si ingrossano di palazzine e si fanno chiamare new towns. La suburbana, il giardinetto, il posto auto garantito e il gioco è fatto. Le nuove città invisibili.Nel frattempo il centro si decentra e diventa centro commerciale. Ogni new town ha il suo. C'è n'è per tutti i gusti al centro commerciale, dal frappé bio-vegan alle patatine di Mc Donald.Nel frattempo il pianeta malato richiede una cura ed ecco il miracolo: “lo sviluppo sostenibile”, “la crescita verde”, “la green economy”, fonti battesimali dentro cui un sistema distruttivo si purifica dal suo peccato originale facendo quotidiani impacchi di coscienza. Produrre e consumare verde per poter continuare a produrre, a consumare e a crescere.E soprattutto a crescere. Ma lenti. Slow. Quale verde? Quale madre terra?Così nasce Slow Food, la più intelligente operazione di rilancio del made in Italy agroalimentare, pardon, made in Eataly. E il cibo diventa moda, status symbol, Spettacolo: è l'era dello Show Food.E ciò che va di moda non può che essere FICO.FICO: Fabbrica Italiana COntadina.C'era una volta la campagna. E c'era la città con le sue fabbriche. C'erano una volta il settore primario, l'agricoltura, quello secondario, l'industria e quello terziario, i servizi. Là dove c'era la campagna prima arrivò la fabbrica della campagna poi arrivò FICO, il museo della fabbrica della campagna, una falsa campagna in una falsa città, il primo centro commerciale in cui primario, secondario e terziario trovano un'illusoria e incelofanata sintesi. La Disneyland del cibo, è già stata giustamente definita. Una città fatta di cartone e di illusioni, dove si potrà passeggiare oziosamente di sala in sala ammirando le sue nuove collezioni tra un brunch e un coffee break. Al posto della sala “Rubens” ci sarà la sala “Vigneto”, al posto della sala “Goya” quella “Frumento”. Il melo interpreta se stesso annoiato davanti a una guida come una statua del museo delle cere. Ancora una volta: museificazione, consumo e spettacolo. La Fabbrica Imbalsamata COntadina. La coltivazione stessa perde il suo valore d'uso e diventa conservatorio e spettacolo. Presunte frotte di turisti, annoiati dallo shopping e dai musei dei centri cittadini ormai svuotati di senso, andranno alla ricerca di favole sulla cara vecchia campagna ridotta a simulacro di se stessa e a un “Last Minute Market” a km 0 che trasforma gli avanzi della Grande Distribuzione in radical cibi “slow” e le zucche in carrozze luccicanti.Lontano, in sordina, senza pubblico e senza visite guidate, le zucche continuano inoperosamente a fare le zucche e alcuni umani continuano a zappare tra le file dei cavoli. Non sono operai di una fabbrica a cielo aperto. Non sono pezzi di una macchina in funzione. Non sono fantocci meccanici. Non sono statue di un museo. Vivono in campi bradi, disordinati, tra sterco ed erbe selvatiche. Ci sono ratti, uccelli e insetti in quantità, ci sono cassette sparpagliate ovunque, ci sono versi sguaiati e odori acri. C'è fango. Non è fico materiale da Expo-sizione. Non è FarmVille, la fattoria virtuale inventata da Facebook. Non c'è sterilizzazione possibile. Ci sono soltanto la fatica e la gioia di maneggiare gli elementi per trasformarli in cibo. E di terra ce n'è tanta da occupare tutti i futuri inservienti del FICO, se soltanto si ripensasse l'agricoltura daccapo, se soltanto la campagna tornasse ad essere campagna e la smettesse di atteggiarsi a fabbrica, se soltanto i contadini tornassero a fare i contadini e la smettessero di fare solamente gli autisti di trattrici. Allora le palazzine si svuoterebbero, le new townsdiventerebbero fantasmi di fantasmi, i centri commerciali andrebbero in rovina e verrebbero invasi dalle erbe selvatiche e FICO sarebbe soltanto un brutto ricordo. Così in molti tornerebbero a mangiare ciò che hanno coltivato e non ci sarebbe nessuno scarto da magazzino da riciclare in luccicanti ristoranti natural-chic.Intanto uno spettro FICO si aggira per Bologna.Cala il sipario sulla sala Vigneto, cala il sipario sui meli di cera, l'ultimo cameriere Eatalyano si aggira nella periferia buia in attesa di un People Mover qualsiasi che lo riporti alla sua new town. In mano uno vassoio di alluminio con gli avanzi degli scarti a km 0. Di lì a poco si potrà sedere alla sua tavola Ikea per consumare la cena. Non perderà occasione di innaffiarla con un buon vino “Ridato alla Mafia” o con un succo di pera “MuoriVerde”. 

28-4-2014
una riflessione di Marzia e Mattia (contadin* di Campi Aperti)